Privacy Policy

FotoWireless - La Siae al matrimonio: quanto costa, come pagarla - Fotografi specializzati in fotogiornalismo di matrimonio, Pescara - FotoWireless

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

FotoWireless - La Siae al matrimonio: quanto costa, come pagarla

Gallery > Articoli Matrimonio
Siae: il costo della musica al matrimonio - FotoWireless



La Siae per la musica al matrimonio:
quanto costa, i controlli, le sanzioni e come pagarla


www.fotowireless.it

Ogni festa in cui si diffonde musica in luoghi diversi dalla propria abitazione, all'aperto o al chiuso, prevede la regolarizzazione di una tassa alla Siae per il diritto d'autore.

E' una vecchia legge su cui in molti non sono d'accordo, ma allo stato attuale è necessaria pagarla in modo da rendere regolare l'evento e mettersi al riparo da una sanzione salata.

Il pagamento della tassa Siae riguarda anche i compleanni, ma soprattutto i matrimoni e i banchetti per le nozze, sia nei ristoranti (anche casali e agriturismi) che nelle ville private o adibite a servizio catering (compresi monasteri, e qualsiasi tipo di struttura).

Alcune coppie optano per il "far finta di nulla" non pagandola, ma non è proprio una scelta furba nel momento in cui è presente un documento ufficiale che attesti un evento di portata pubblica, quale è il matrimonio. Basti pensare alle pubblicazioni al comune, ad esempio.

Per cui la contestazione potrebbe avvenire anche successivamente all'evento, a molti mesi di distanza incrociando i dati tra gli uffici Siae e l'albo pretorio.

Alcuni ristoranti hanno degli accordi annuali che prevendono degli sconti su ogni singolo evento che si svolge da loro e che potrebbero, in alcuni casi, già includere nel costo del banchetto.

Quindi la prima cosa da fare è chiedere alla location del matrimonio se sono convenzionati o meno. In alternativa bisogna procedere di tasca propria.

Per fortuna nel 2016 la Siae ha fatto grandi semplificazioni e anche qualche riduzione dei costi. Vediamole.


E' UN "CONTRIBUTO, NON UNA TASSA"

L'Ufficio comunicazione della Siae di Roma ci tiene a precisare che in realtà non si tratta né di una tassa, come comunemente viene chiamata, né di un tributo, bensì di un «compenso sottostante la crezione di un'opera artistica».

Compenso che «Siae non richiede per sé ma per conto degli autori tutelati». In altre parole viene corrisposto un "diritto" agli autori quando vengono utilizzate le loro opere.


QUANTO SI PAGAVA

Fino al 2015 era necessario conoscere (e dichiarare) il costo procapite del pranzo o della cena del ristorante: sopra i 75 euro era considerato "evento di lusso". Praticamente tutti i matrimoni ricadevano in questa fascia più costosa.

Poi si doveva calcolare il numero degli invitati: si procedeva a scaglioni. Sotto i 100, tra i 101 e i 150, e via via a fasce di 50 persone fino ad oltre i 300.

L'altra discriminante era il ballo: con le persone in pista il prezzo sale ancora di più. E non esistono alibi: secondo la Siae anche un "trenino" di due persone seppur per pochi secondi, è considerato ballo a tutti gli effetti.

Ed è così che le cifre lievitano da 157 a oltre 582 euro, più iva e oneri amministrativi. Infatti il prezzo medio, per un banchetto di 200 invitati, oscillavava attorno ai 400 euro.


Siae, il vecchio tariffario per la musica a feste e matrimoni - FotoWireless



QUANTO SI PAGA OGGI

Adesso il nuovo tariffario Siae 2016 taglia la testa a calcoli più complicati, spesso utilizzati in malo modo dagli utenti, con un listino semplice e chiaro.

Per un matrimonio fino a 200 invitati, che prende il posto con una fascia unica sostituendo le prime due del listino precedente, si pagano 199 euro. Sopra i duecento invitati si salta a 299 euro. Si tratta di due fasce uniche, più chiare e semplici delle precenti e senza distinzione del ballo o del costo procapite del menu del ristorante.

Gli importi sono sempre da sommare all'iva e ai diritti amministrativi. Ma è intanto un'ottima semplificazione.


Siae: il costo della musica al matrimonio - FotoWireless



IL BORDERAUX

Chiamato "borderò" è il foglio bianco e rosso della Società Italiana degli Autori ed Editori. In gergo tecnico si chiama 107/OR.

E' un modulo pieno di quadretti su cui vanno inseriti tutti i dati delle canzoni del programma musicale svolto durante la festa e deve essere sempre tenuto a disposizione per un'eventuale ispezione della Siae.

Va riempito da persone abilitate, quindi il musicista o il deejay, e successivamente riconsegnato all'ufficio Siae di competenza.


Bordero Siae per musica matrimonio - FotoWireless



I CONTROLLI, LE SANZIONI E LE MULTE

Abbiamo provato più volte a contattare via email gli uffici Siae di Pescara ma ci è stata negata qualsiasi informazione al riguardo, nonostante vari solleciti in quasi venti giorni.

Per fortuna l'ufficio stampa nazionale Siae, che abbiamo contattato al riguardo come ultima spiaggia, ci ha fornito parzialmente qualche delucidazione in più. Ma è stata una gran fatica.

«La Siae è legittimata ad esercitare controlli nei luoghi pubblici o assimilati», ci spiegano, «per verificare che sia stato rilasciato all'organizzatore dell'evento musicale (compresi gli eventi gratuiti per gli invitati come nel caso delle feste nuziali), una licenza o una autorizzazione, chiamata "permesso"».


Gli ispettori Siae devono qualificarsi mediante l'esibizione della tessera personale di riconoscimento nel momento in cui effettuano l'accesso in "natura ispettiva".

Gli incaricati ai controlli hanno lo «status di pubblici ufficiali o di incaricati di pubblico servizio, con le tutele di legge e le responsabilità che ne derivano».


Nel caso di "festeggiamenti matrimoniali", precisano dall'ufficio stampa, gli addetti al controllo eseguiranno le loro valutazioni e in caso di violazioni tenteranno di evitare lo stop dell'evento invitando l'organizzatore a presentarsi negli uffici di competenza territoriale per rimediare all'accaduto.

Tali violazioni al regolamento potrebbero essere sia la mancata richiesta del permesso, sia la denuncia di un numero diverso delle persone partecipanti, ad esempio.

Non è assolutamente chiaro quale sia il quantum del verbale e i relativi tempi di ravvedimento, ma sarà in funzione della quota base dell'evento più una multa «proporzionata all'irregolarità emersa, uniforme su tutto il territorio nazionale, già prevista e quantificata nelle condizioni generali del "permesso spettacoli e intrattenimenti", ove rilasciato».

Ci dispiace constatare una tale superficialità da parte delle sedi locali sul Diritto d'Autore, e per questo motivo l'unico consiglio che possiamo dare è quello di recarsi personalmente negli uffici e cercare di farsi rispondere alle domande in modo più preciso possibile, anziché scrivere o telefonare.


DOVE RECARSI

La competenza territoriale è geografica e dipende dalla città, o paese, in cui è sito il ristorante o la location della festa. Per cui bisogna recarsi in quella specifica provincia.

Gli orari di apertura normalmente sono tra le 9.30 e le 12.30. Alcune province sono aperte anche durante il pomeriggio.


Gli uffici Siae in Abruzzo sono:

Pescara: via Venezia 25, telefono 085-4212823, email pescara@siae.it

Chieti: via Benedetto Croce 147, telefono 0871-410945, email chieti@mandatarie.siae.it

Teramo: via Po 22, telefono 0861/247785, email teramo@mandatarie.siae.it

L'Aquila: via della Croce Rossa 34, telefono 339-7404647, email laquila@mandatarie.siae.it

Qui sono disponibili tutti gli altri indirizzi degli uffici Siae nazionali.



Cerchi il fotografo per il tuo matrimonio? Contatta la FotoWireless


 
Copyright FotoWireless di Valerio Simeone, 2016. All rights reserved. - PI 016840240680

Via G. D'Annunzio 229, Pescara - Italy - Tel 085.7996129 - 347.3353291
Torna ai contenuti | Torna al menu